Posted by on 13 Gen 2012 in Antipasti, In evidenza, Ricette | 7 comments

Grissini piemontesi

I grissini sono un piatto così tipico e storico della cucina torinese che non potevo non provarli almeno una volta! Così, quando è capitata l’occasione di una ricorrenza con alcuni amici del capoluogo piemontese, sono andata dritta nella tana del lupo!

La mia versione è una variante piuttosto leggera, visto che la ricetta prevede di amalgamare l’impasto con lo strutto, ma secondo me l’olio extra vergine è più che sufficiente, e che non presenta particolari difficoltà. Armatevi, però, di pazienza, perché con le quantità indicate vengono fuori almeno 4 teglie (addirittura 6, nel mio caso, che li preferisco sottili, come quelli che si trovano nei ristoranti. Altri, però, li preferiscono più spessi o con consistenza variabile, così da alternare punti di maggiore e minore croccantezza).

In casa avevo dei semi di papavero, così li ho aromatizzati con questa spezia, ma mille altre soluzioni sono possibili: dal peperoncino piccante alle olive tritate finemente, al pepe, al sesamo.

Consiglio: vista la loro sottigliezza, bisogna fare molta attenzione alla cottura! Per questo motivo ho preferito cuocerli con il forno non ventilato, così da rallentare la cottura e poterla controllare con…meno ansia!

Grissini piemontesi Ricetta

Di Francesca Pubblicata: gennaio 13, 2012

  • Cottura: 20 minuti

I grissini sono un piatto così tipico e storico della cucina torinese che non potevo non provarli almeno una volta! Così, quando è …

Ingredienti

Istruzioni

  1. Dai 270 ml di acqua versatene un po' in un bicchiere. Riscaldate appena l'acqua, deve essere tiepida, non calda, all'interno sciogliete il lievito di birra e lo zucchero. Nella restante acqua tiepida sciogliete il sale e aggiungete l'olio.
  2. Setacciate la farina. Aggiungetevi l'acqua con il lievito e lo zucchero. Lavorate il composto.
  3. Continuando a lavorare il composto aggiungete a filo l'acqua con sale e olio. Potrebbe non servire tutta l'acqua, il composto finale dovrà risultare elastico.
  4. Stendete la pasta su una spianatoia spolverizzata di metà della farina di semola di grano duro. Stendetevi sopra l'impasto, spennellatevi sopra l'olio e spolverizzate la superficie con l'altra metà di farina di semola di grano duro.
  5. Lasciate crescere l'impasto steso per 1h. Successivamente tagliate delle strisce di 1 cm circa lungo il lato corto. Allungate la striscia con le mani fino alla lunghezza della teglia che utilizzerete per cottura. Su alcune strisce allungate cospargete dell'olio e spolverizzateli con i semi di papavero.
  6. Stendete sulla spianatoia della carta da forno, poggiatevi sopra i grissini da cuocere e infornate per 20 minuti circa a 220°C con il forno non ventilato.
  7. Sfornate appena iniziano a dorarsi, con particolare attenzione perché subito dopo la doratura iniziano a seccare e a bruciare con grande velocità!

7 Comments

  1. 1-15-2012

    fatti in casa sono piu saporiti un po di olio extra vergine in piu abbondiamo con le spezie e il gioco è fatto

  2. 1-22-2012

    Pensavo che fare i grissini in casa fosse un’utopia e invece mi ritrovo a guardare i tuoi e sono a dir poco perfetti. Volevo chiederti ma tu li cuoci in un forno a gas?

    • 1-23-2012

      Ciao Carmelina,
      io ho un forno elettrico, ma si può utilizzare anche uno a gas. Ricordati solo che un forno a gas genera più umidità quindi è possibile che impiegheranno un po’ di tempo in più per cuocere a parità di spessore.

  3. 1-22-2012

    li sostituisco al pane veramente divini

  4. 1-23-2012

    Niente male questa ricetta, aggiungi qualche ricetta di tarallini. Aspetto!

  5. 1-23-2012

    Ciao Francesca stamattina mi sono cimentata in questa favolosa ricetta una sola parola: eccezionale.Mi sono divertita a dare ai grissini la forma delle lettere che compongono il nome delle mie figlie e in questo momento fanno merenda con i grissini ricoperti di nutella sono contentissime ognuna mangia il proprio nome. Invece a pranzo li abbiamo mangiati con il formaggio spalmabile.Complimenti questa è una ottima idea per preparare sfiziosi antipastini e non, per grandi e piccini.

  6. 1-23-2012

    Dimenticavo io aggiungo la prossima volta un po di sale in più a me piace mangiare un po più salato!!!!!!!!!!!
    A presto baci

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *